L'ANTENNA AD ALTO GUADAGNO


Ampia 4,8 metri, simile ad un ombrello l'antenna ad alto guadagno ( HGA ) Ŕ situata silla sommitÓ della navicella. Una volta aperta, come una maglia di rete elastica, si distende sulle 18 stecche per formare l'ampio disco di una parabola.

Immagine HGA

Questa era l'antenna che la Galileo avrebbe dovuto utilizzare per la trasmissione dei dati a Terra. Questa antenna ad alte prestazioni fu progettata per trasmettere i dati alla velocitÓ di 134.000 bit al secondo ( l'equivalente di un fotogramma al minuto ) nella banda X.

Il piano originale della missione ne prevedeva una breve apertura subito dopo il lancio. Durante la fase di gravity-assist Venere-Terra-Terra ( VEEGA )l'antenna, sensibile al calore, avrebbe dovuto rimanere ripiegata e riparata dietro uno scudo termico per proteggerla durante il passaggio nel sistema solare interno. In questa fase del viaggio, due piccole antenne a basso gudagno, insensibili al riscaldamento termico, avrebbero fornito il collegamento con la Terra.

Una di queste antenne, montata su un traliccio, fu aggiunta alla sonda espressamente per sostenere le comunicazioni durante il viaggio verso Venere. L'altra antenna a basso guadagno, montata sopra quella ad alto guadagno, era destinata a diventare l'unico mezzo attraverso il quale portare a termine la missione.


Torna a La strategia nelle comunicazioni

Vai alla HomePage di Astro-link


01/06/96 by MF